maggio 20, 2010

All'avventura, atto nuovo

Anche questa settimana i miei giocatori si son cimentati in una mini sessione. Di seguito il link l'introduzione della avventura.

Riassunto(per i più pigri): Le due ragazze si son trovate in uno strano intrigo di corte a Namira.
Nina, una contadina di Ulivio e Antoniette, una apprendista caldarola arrivata ad Ulivio per la costruzione di un cancello si ritrovano in viaggio verso Namira. La prima viaggia per poter non perdere un posto di lavoro e salvare la Massae(Ulivio), la seconda per recuperare il denaro del contratto per la costruzione del cancello e quindi aver la compensa pattuita. Arrivano così a Namira e tra un chiacchiericcio ed un altro si trovano al cospetto di Messer Izak che le informa che l'assassinio del proprietario di Ulivio è collegato ad una vecchia esecuzione del padre dell'attuale Sommo Cilindro(consigliere) di Namira. Il figlio, un certo signor Hemmings, pare voglia vendicarsi e così Izak impone alle due ragazze, a patto di aggiustare i loro problemi, di avvisare Messer F(ultimo esecutore del mandato in vita) e mettersi in salvo.
Dopo la morte dei sicari che volevano uccidere messer F. ultimo assassino del cospiratore al trono del vecchio re, i PG son riusciti a tornare alle loro vite ma le cose son cambiate.
Per Nina la Massae èdiventata più stretta. Il combattimento le ha dato nuovo fervore e il lungo viaggio sino a Namira per salvare la sua Massae l'han portata a vivere in maniera ben più emozionante che facendo la contadina e sentinella ad Ulivio.
Certo ora Ulivio è in crisi. Manca un contabile e la manodopera, dopo la morte di Messer Antons ha deciso di andare verso lidi più sicuri e quindi, cosa c'è di meglio se non reclutare i nuovi braccianti alla prossima fiera a Pezza?
Dall'altro canto, Antoniette ha finalmente finito di comprare i suoi attrezzi. Ma adesso?
Diventare un buon fabbro vuol dire anche comprare una fucina.... Gerome, vecchio lupo con esperienza, le ha offerto da mentore di coinvolgerla in un serio e ambizioso progetto: fondare una corporazione dei fabbri nel Loner. Allo stato attuale i contratti son poco sicuri, tutto sotto le clausole dei clienti e il prezzo consiste solo nel lavoro e non anche nello spostamento. Le produzioni di stampo militari, oltretutto, costringono i fabbri a pagar una tassa che ai clienti non interessa pagare e così è un costo in più per gli artigiani e così il suo caro mentore le ha chiesto di iniziare a cercare affiliati e un buon posto per avere contatti e il mercato a Pezza.
E così le due (future?) eroine si son ritrovate sulla stessa strada per la fiera.
Cosa accadrà?
Riuscirà Nina a cambiar vita? Antoniette troverà le basi per fondare una corporazione?
E i sicari e il complotto contro il re?
Categories: ,

0 commenti: