marzo 05, 2010

Viaggiare

In tutto il contintente ogni persona si trova ad affrontare un viaggio ed è giusto che conosca bene il percorso da seguire per non incappare in qualche brutta situazione. Banditi, fuorilegge, strane creature e loschi figuri tendono per qualche motivo ad essere sempre pronti ad aggredire il mal capitato.

Strade
Le strade sono il primo mezzo di comunicazione tra due o più città. Queste di solito sono mantenute e riparate dalle città stesse ma spesso queste strade sono lasciate alle intemperie. Alcune città come ad esempio Balza, effettua una tassa sulle strade maestre intorno la città in maniera tale da mantenerla sempre in ordine.
Le strade poi si differenziano tra strade principali e non. La differenza sta nel fatto che quelle principali, come la via dell’oro nel Daerfaels, sono segnate su molte mappe e sorvegliate da soldati del regno mentre quelle non principali, che sono la maggior parte, sono le più pericolose e difficilmente si incontrano soldati o mercanti.
Le strade principali, chiamate anche maestre, generalmente tendono ad essere larghe dai tre ai sei metri anche se tante sono anche solo larghe due.Per quel che riguarda le strade secondarie non sorprendetevi di doverle percorrere in cima a delle montagne, tra burroni o nella campagna più fitta che abbiate mai visto, altrimenti non sarebbero secondarie.

Caselli
Non è difficile incontrare un casello tra un regno ed un altro. Queste piccole fortezze o villaggi sorgono sopra la strada e sono generalmente presidiate da non più di cinque o sei soldati che hanno il compito di sorvegliare l’acceso o l’uscita dal regno. I casellanti sono tendenzialmente rigorosi e i soldati che stanno con lui nel casello rispettano i suoi comandi.Ogni fortezza è generalmente autosufficiente e ogni soldato ha mansioni ben precise.
Tra i vari privilegi di un casellante è quello di stabilire il pedaggio per attraversare la strada e ciò comporta un problema per le tante carovane che devono attraversare il confine. E se vi dicono che qualche casellante fa pagare il pedaggio anche venti corone non vi dovete sorprendere, purtroppo capita!

Ponti
Nella congiunzione di due città può capitare la presenza di un fiume da superare. In tal caso una possibilità è quella di costruire un ponte. Questo nelle strade principali è di pietra o legno e un guardaponte è sempre appostato lì vicino ma quando non si parla di questo genere di strade i ponti possono essere realmente pericolosi. Un esempio era il ponte di Nowil prima che la capitale del principato di Nulb e Magdalen costruissero la loro strada. Questo era un ponte largo quasi un metro, in legno marcio e sostenuto con liane prese dalle paludi vicine, in tanti provarono a passarlo ma il più delle volte si preferiva allungare la strada per arrivare in una zone del fiume più tranquilla.

Mezzi di trasporto
Nessun elfo, uomo o orco, e neanche i nani, sono riusciti a percorrere l’intero continente senza un adeguato mezzo di trasporto e così ognuno si è ingegnato nel modo in cui poteva.
Oltre ai cavalli esistono una gran specie di animali da traino e da trasporto.Asini, buoi e i cavalli son tra gli animali che più si raccomandano. Alcuni nani usano pony e qualche nano contadino preferisce muoversi con dei maiali...
Diligenze
Sovente capita di incontrare carovane lungo la strada. Queste sono il miglior modo di viaggiare su strada perché la diligenza può essere anche sorvegliata da un soldato o da delle gurdie. In ogni città esistono diverse agenzie di trasporto che si occupano nell’assoldare le guardie, le guide, i cavalli e i cocchieri. Ovviamente nessuno offre la garanzia di arrivare a destinazione ma almeno si è sicuri di non sbagliare strada.
Nave
Se non si vuole viaggiare per strada l’unica alternativa è viaggiare con una nave.
Questo vuol dire che verrà a costare una considerevole cifra. Questo perché le poche agenzie navali non si sono stabilite ovunque e quindi capita sovente di dover trovare un modo per salire alternativo. C’è chi si nasconde nelle stive, chi diventa un pirata, chi lascia una considerevole somma di denaro al capitano e così via.
Categories:

0 commenti: