giugno 06, 2009

Presentazione


"Benvenuti in un mondo di prodi, eroi, di popoli selvaggi, di oscuri padroni e di magia, di sconfinate terre e di alte montagne.


Un mondo dove antichi tomi sono celati al buio, dove sacerdoti pregano i loro dei, dove astuti maghi preparano i loro sortilegi e di ladri scaltri e furbi.


Un mondo di lontani rancori, di infinite battaglie, di draghi che dormono all'ombra di ancestrali montagne su letti di smisurati tesori.


Un mondo di antiche rovine, di immensi castelli e di rozzi villaggi. Un mondo di principi, cavalieri, guerrieri, ladri, menestrelli, dame, stregoni e sacerdoti.


Un mondo di bene e male.

Signori voi tutti, benvenuti a Doramarth"


Mi sembrava giusto iniziare con la prima idea di Doramarth. Un fantasy dallo stile classico.

Per questo ora inizierò a parlare dell'idea dell'ambientazione. Le basi da cui son partito son semplici, elfi, nani, umani e orchi. Negli anni ho sviluppato i loro aspetti, dalla cultura ai rapporti sociali. Ho costruito una storia che li identifichi che crei un periodo di pace e un periodo di bene ma mi son accorto che il semplice fantasy non mi bastava.
Ho iniziato così a cercare spunti nelle favole e nelle fiabe, quelle più scure e tristi, Grim e Andersen volendo.

Così il mondo di Doramarth iniziò a cambiare. Non era solo spade e ferro, saette e preghiere. I personaggi dovevano essere umili. Tutto era alla ricerca del suo perchè. Capii che per avere una buona ambientazione si deve rispondere al perchè di tutto.

Perchè è avvenuto ciò? Perchè funziona così?

Da quel punto in avanti l'ambientazione iniziò a diventare sempre più profonda. Non bastava più avere il nome di un re o quello di una città.

Perchè era lui? Perchè c'è quella città?

Tutto diventò sensato....

Il mondo ora non era di soe spade, e neanche di scarpette magiche. Ora era un mondo, o meglio, ora cercavo di costruire un mondo in cui il bene non esiste solo perchè ci deve essere ma perchè qualcosa di buono esista. E lo stesso valga per il male. Cercavo un mondo dove la storia del mondo, per i giocatori abbia un valore e che per il Narratore o Master sia un aiuto e non uno stress.

Cercavo e cerco di costruire un ambientazione che abbia uno spessore.

0 commenti: