giugno 12, 2009

Elfi

Ora mi accingo ad affrontare un'altra razza: gli elfi, anche questa ha subito una scissione portando a tre famiglie:

Gli elfi furono la prima razza a mettere piede su Doramarth. Nonostante il passare delle ere gli elfi sentono ancora vicino questo dono e spesso si considerano superiori alle altre razze. leggiadri e delicati,intelligenti e scaltri, leali compagni e temuti nemici. Sono i figli della luna Nei meandri di fitte foreste, all’ombra dei cespugli o in alto tra i rami di enormi querce nascono città magiche, dove dolci melodie inebriano la mente e stupende creature si aggirano. Queste sono le corti elfiche. In tutto il continente esistono diverse corti appartenenti alle diverse caste di elfi.
Gli elfi si dividono in 3 caste, i silvinalin che rimasero nelle foreste, i grivianalin che viaggiarono per il Doramarth per studiare i venti di magia e i maliedrinalin che furono esiliati per l’assassinio del primo elfo.

Di seguito è postato il lavoro sulle abitudini di queste razze: Gli elfi si distinguono in tre grandi famiglie: la corte degli elfi silvani, quella degli elfi grigi, e quella degli elfi oscuri.

Gli elfi silvani

  • società:
Questi sono gli elfi più attaccati alla loro dea: Maeve. Nei loro vari secoli hanno modificato il loro stile di vita secondo il suo dogma. Così gli elfi si sono stanziati nelle foreste più fitte, o nelle colline più alte per poter entrare in sintonia con lei. Per questo gli elfi cercano in ogni modo di rimanere nelle sue grazie.
il cibo
Il loro credo verso Maeve li ha portati a modificare completamente le loro abitudini. Un esempio è la loro dieta. Vivendo nelle foreste, gli elfi silvani hanno a disposizione un gran numero di animali per mangiare eppure si nutrono solo di cervi e caprioli od orsi. Se il clima non permette loro di poter trovare queste creature spesso si accontentano di bacche e verdure. Cinghiali e lupi non sono le loro prede preferite e se capita di catturarli l’unica cosa che prendono sono le loro pelli. L’acqua è per loro il primo sostentamento ma il vino e il sidro sono molto presenti nelle loro tavole. I loro distillati sono molto buoni e fuori dalle loro corti sono difficili da rinvenire.
Abitudini
Spesso gli elfi dei boschi sono propensi, dopo ogni festeggiamento, a donare a Maeve qualcosa sia esso di valore oppure no. Per questo nascono diversi altari in suo nome nelle loro comunità. Molti viaggiano con piccoli amuleti o con qualche strumento che suonano durante i loro viaggi; questo strumento viene sempre fabbricato dal suo possessore affinché nasca un legame tra loro strumento e chi lo suona. Se fabbricato bene solo il suo proprietario è in grado di suonarlo e nessun altro. Gli elfi silvani sono sempre molto puliti e ogni qualvolta è possibile si lavano. Soprattutto le femmine tendono a portar con se piccole bacche profumate o saponi aromatizzati.

Gli elfi grigi

  • società:
Questi elfi, decisamente più girovaghi, hanno nel tempo, modificato le loro abitudini e la loro società. Se la presenza di un monarca elfo presiede sempre la comunità, è anche vero che la loro vita non è più così legata a Maeve.
  • Il cibo
Infatti gli elfi grigi non fanno differenza tra gli animali che incontrano durante la caccia e il loro vino è meno dolce. I loro insediamenti sono più piccoli e spartani e spesso sono unite tra loro tra tende e piccole capanne; inoltre, come per gli elfi silvani, i loro caseggiati si inerpicano tra uno o più alberi. La casa del monarca è sempre quella più in alto ed è anche l’unica con un foro sul tetto, nella maggior parte dei casi a cupola, che da al cielo.
  • Abitudini
Gli elfi grigi non hanno tante abitudini in quanto si devono sempre abituare a cambiare luogo e adattarsi. In ogni caso questo ha portato ad avere qualcosa che li rende più particolari. Nessun elfo grigio che si rispetti scorda la sua custodia per pergamene, così come il suo diario di viaggio e il suo pennino. Molti inoltre cuciono personalmente il proprio mantello e ogni famiglia cerca sempre di ricamare il proprio stemma. Molti elfi sono amanti del idromele e quindi sarà facile scorgerne uno con il suo otre pieno di questa bevanda. Poco avvezzi all’alcol sono comunque più allegri dei loro cugini silvani nonostante mantengano il più delle volte un aspetto serio. Ogni grivianalin ha con se un pugnale da caccia con le sue iniziali che vengono incise solo dal monarca della sua corte perché così nessuno può ingannare il reggente in quanto egli conosce tutti i suoi sudditi sin dalla nascita.

Gli elfi oscuri

  • società:
Questi elfi che hanno abbandonato da secoli i boschi, hanno trovato un buon habitat tra vecchie foreste abbandonate e ai piedi di antiche montagne. Le loro comunità sono più caotiche rispetto a quelle dei loro compagni elfi e spesso salgono lungo una montagna o addirittura vi scavano dentro le loro abitazioni. Le loro cittadine sono le più difficili da scovare in quanto vengono costruite in maniera tale da non essere viste da lontano. La società è basata su un patrone che richiama a se le diverse caste della comunità. Spesso vi nascono intrighi per ottenere il posto del patrone ma non accade sempre. Nella maggior parte dei casi il patrone è diventato tale dopo aver guadagnato in qualche modo il posto. Non esistono leggi che garantiscano un modo sicuro per arrivare al potere e il nepotismo non è visto di buon occhio.
  • il cibo
Gli elfi oscuri non si fanno problemi nel cosa mangiare, frutta, carne e verdura sono all’ordine del giorno. Spesso sulle loro tavole è facile trovare ottimi distillati che sono tra i migliori esistenti. Il più famoso è il distillato della lacrima di magnolia. Tutti i loro distillati provengono solo da piante o fiori e la loro preparazione non è mai stata nota.
  • Abitudini
Gli elfi oscuri hanno diverse abitudini; sin da piccoli sono abituati a possedere sempre con loro un ciondolo della loro casta, in quanto loro SONO la casta. Infatti nessun elfo oscuro che si rispetti negherà mai la sua casta. Un’altra abitudine è la preparazione al combattimento. Molti elfi hanno l’abitudine di baciare la propria arma e il proprio ciondolo prima di ogni guerra. Generalmente ogni elfo oscuro o madrielino, non si trascura mai troppo e in ogni circostanza tende ad avere un’aria seria e orgogliosa ma purtroppo spesso questo viene tradito dal loro animo il più delle volte aggressivo e combattivo. Gli elfi oscuri sono famosi per essere i più violenti e non si fanno molti problemi a fronteggiarsi con gli estranei. Questo rende le loro società abbastanza pericolose per degli estranei ma all’interno di ogni società maliedrilina esiste un organo giuridico che per quanto possibile cerca sempre di sedare tali atteggiamenti. Tale organo è chiamato il Verdetto, un consiglio di diversi capicasta che non risiedono nel concilio con il patrone.

Categories:

0 commenti: